tortino di spinaci

Tortino di Spinaci

 

Tortino di Spinaci

Ingredienti per 2 porzioni

  • 100 gr di albumi
  • 1 uovo
  • 50 gr di farina di mandorle
  • 1 cucchiaio di olio ex. verg.
  • 200 gr di spinaci cotti
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • semi mix q.b
  • sale q.b.

Procedimento

Ridurre le mandorle in farina, nel caso non l’aveste già pronta.

Frullare gli spinaci cotti precedentemente. In una ciotola sbattere l’uovo con il parmigiano e aggiungere l’albume e farina di mandorle. Infine gli spinaci frullati, olio e sale.

In una teglia da forno rivestita da carta da forno aggiungere l’impasto ottenuto e cospargere la superficie di semi vari (io ho utilizzato un mix: sesamo, girasole, canapa, lino).

Cuocere in forno a 180 gradi per una ventina di minuti.

Valori nutrizionali per 1 porzione 

Kcal 370 kcal
Carboidrati 8,5 gr
di cui zuccheri 2 gr
Grassi 26,6 gr
di cui saturi 4,7 gr
Proteine 23,2 gr

Dr. Ilaria Inversi
Cannolo salato

Cannolo Salato

 

Cannolo salato

Ingredienti per 5 cannoli

  • 150 gr di grana/parmigiano
  • 10-15 foglie di basilico

Per il ripieno:

  • 300g di ricotta
  • polpa di pomodoro q.b.
  • olive q.b.

Procedimento

Tritare il parmigiano/grana con le foglie di basilico.

Formare delle cialde con un coppa pasta

Infornare le cialde per 7 minuti a 180 gradi. Una volta sfornate, quando sono ancora calde, dare la forma del cannolo.

Nel frattempo preparare il ripieno con la ricotta e polpa di pomodoro.

Una volta che le cialde si sono raffreddate riempirle con la farcia e aggiungere olive per guarnire.

Valori nutrizionali per 1 porzione 

Kcal 245 kcal
Carboidrati 4,85 gr
di cui zuccheri 3,9 gr
Grassi 18,4 gr
di cui saturi 12 gr
Proteine 14,6 gr

Dr. Ilaria Inversi
crema spalmabile alle nocciole

Crema spalmabile alle nocciole senza cioccolato

 

Crema spalmabile alle nocciole

Ingredienti per 1 barattolino da 250g

  • 150g di nocciole
  • 2 cucchiaini di cacao amaro in polvere
  • 50 g di latte /bevanda vegetale
  • 100g dolcificante

Procedimento

Tostare le nocciole e levare la pellicina, altrimenti prendere quelle già tostate 😉

Se usate dolcificante in granuli polverizzatelo, altrimenti potete utilizzare quello liquido

Frullate le nocciole fino ad ottenere una crema, aggiungere dolcificante e continuare a mescolare. Aggiungere cacao e il latte ( io ho utilizzato la bevanda di soia senza zuccheri aggiunti) un pò alla volta e continuare a mescolare

Versare in un vasetto di vetro e riporre in frigo.

Valori nutrizionali per 1 porzione (36g)

Kcal 109 kcal
Carboidrati 11,1 gr
di cui zuccheri 0,7 gr
Grassi 10,1 gr
di cui saturi 0,8 gr
Proteine 2,7 gr

Dr. Ilaria Inversi
Polpettone tonno

Polpettone di tonno

 

Polpettone di tonno

Ingredienti per 3 porzioni

  • prezzemolo q.b.
  • 200g tonno sott’olio sgocciolato
  • 2 scatolette piccole di tonno al naturale
  • 80g Pane integrale raffermo
  • 1 uovo

Procedimento

Tritare il pane raffermo con il prezzemolo.

Aggiungere il tonno, uovo e frullare.

Adagiare su carta da forno il composto ottenuto e formare una caramella.

Cuocere a vapore, io ho utilizzato la modalità Varoma del Bimby (in modo che si mantenga morbido) oppure in una padella antiaderente come se fosse un arrosto.

Ho accompagnato il polpettone con una salsa piccante ai peperoni.

Valori nutrizionali per 1 porzione

Kcal 320 kcal
Carboidrati 14,15 gr
di cui zuccheri 1,75 gr
Grassi 17,15 gr
di cui saturi 3,45 gr
Proteine 27,07 gr

Dr. Ilaria Inversi
bilancia

Petizione: Abolire la bilancia durante il periodo Natalizio

Sappiamo che le feste natalizie, sono un momento di convivialità e di spensieratezza. Succede poi che durante il periodo tra Santo Stefano e Capodanno ci si sente in colpa e allora iniziano le preoccupazioni sull’aumento di peso, e qui entrano in gioco i famosi DETOX, restrizioni caloriche e stregonerie varie.

Tutte queste calorie in eccesso che fine fanno nel nostro corpo?

L’eccesso calorico dei pasti festivi non tutto viene trasformato in grasso nel corpo. 

Ci sono degli studi che mostrano come consumare un pasto molto abbondante in un singolo pasto, determini un aumento dell’effetto termico del cibo.

Quando il cibo entra nel nostro corpo, deve essere elaborato, non viene subito assimilato e una parte di energia viene anche dispersa sotto forma di calore (classiche vampate dopo un abbondante pasto). Inoltre, sembra entrare in gioco anche la genetica sull’indirizzamento delle calorie ingerite in eccesso. Il nostro corpo utilizzerà il surplus calorico, in modo soggettivo, indirizzandolo nei diversi compartimenti, massa grassa o magra.

Importante per l’indirizzamento del surplus, oltre alla genetica, è anche la composizione del cibo consumato.

Per esempio, quando si ha un eccesso di carboidrati, essi vengono utilizzati prevalentemente per la formazione di glicogeno, un tessuto di riserva di glucosio nel fegato e nel muscolo. Questo si verifica soprattutto nei soggetti che seguono diete ipoglucidiche (povere di carboidrati) o in soggetti che praticano allenamenti estremi senza adeguati pasti glucidici. In queste condizioni le riserve sono scarse e nel momento in cui si consuma pasti ricchi di carboidrati, il nostro corpo inizia a produrre glicogeno per ripristinare le scorte. 

Da considerare che ogni grammo di glicogeno porta con sé qualche grammo di acqua (come già accennato in un articolo precedente), aumentando così il peso, dovuto all’accumulo di acqua.

Quando le riserve di glicogeno sono sature, gli zuccheri (derivati dalla degradazione dei carboidrati), in eccesso, dovranno essere smaltiti e sono inviati alla produzione di grassi attraverso processi di lipogenesi.

Invece, le proteine hanno un ruolo positivo, in quanto, oltre ad indurre il senso di sazietà aumentano la produzione di calore, sono i nutrienti con maggior effetto termico del cibo. Ecco perché diviene importante associare in un pasto abbondante sempre una fonte proteica.

Il problema però nasce dall’eccesso di grassi, che vengono prevalentemente accumulati nel tessuto adiposo come riserva energetica.

Allora perché se non tutti i nutrienti vengono trasformati in grassi, si ha un aumento di peso?

Il peso che vedete il giorno dopo aver mangiato un pasto abbondante è dovuto a componenti che NON sono grasso.

La maggior parte è dato dal riempimento delle scorte di glicogeno, con conseguente aumento di acqua all’interno di esse.

Inoltre, mangiando pietanze ricche in sale, il nostro organismo richiederà maggior quantità di acqua per ripristinare l’osmolarità, inducendo il meccanismo della sete e quindi aumenta l’acqua corporea. 

In entrambi casi si parla di aumento di massa magra.

In conclusione l’aumento che vediamo nei giorni successivi può essere imputato a variazioni del contenuto di acqua in diversi compartimenti dell’organismo e solo una parte potrà essere dovuta all’accumulo di grassi.

Perciò, l’accumulo di grasso come conseguenza di un eccessivo introito calorico avviene più facilmente quando il surplus calorico è protratto nel tempo. La formazione di  massa grassa avviene su tempi medio-lunghi. Da considerare che per la formazione di un kg di grasso occorrono mediamente 7000-9000 kcal, anche in questo caso si ha una variabilità soggettiva.

Pasti abbondanti non protratti per giorni, nella visione di un’alimentazione sana ed equilibrata, non possono creare danni significativi. 

NON SALITE SULLA BILANCIA, ma tornate alle vostre sane abitudini accompagnate da un pò di esercizio fisico.

Il mio consiglio è quello di arrivare al pasto abbondante con le scorte di glicogeno deplete o quasi, assumendo pochi carboidrati nel pasto precedente o facendo attività fisica.